GRETA BARBERA

GRETA BARBERA

AMORE PER LO STUDIO, AMORE PER IL PROSSIMO, AMORE PER GLI ANIMALI, PER LO SPORT, PER IL BUON CIBO, PER LA NATURA… GRETA BARBERA CI RACCONTA COME LA SUA VITA SIA UN INNO ALL’AMORE.

Partiamo dalla tua infanzia e dalla tua famiglia.

Ho trascorso un’infanzia molto serena poiché ho avuto dei genitori molto presenti e affettuosi nei miei confronti. Mio padre è calabrese mentre mia mamma è romana. Sono molto grata a loro perché non mi hanno mai fatto mancare nulla, specialmente il tempo di qualità trascorso insieme. Ho una famiglia molto numerosa, basti pensare che mio nonno paterno ha 16 fratelli… credo di avere all’incirca 40 cugini, alcuni dei quali non ho mai conosciuto. Devo dire che custodisco dei ricordi bellissimi della mia infanzia: molti viaggi, e momenti di gioia.Il periodo più bello è stato sicuramente l’adolescenza trascorsa fuori dal caos della città di Roma, poiché dopo il divorzio dei miei genitori mi sono trasferita nelle campagne romane con mia mamma e suo marito, che per me è come un secondo papà. Lì ho trascorso il periodo più spensierato della mia vita.

Sappiamo che sei una studiosa e che lo fai con passione. Parlaci dei tuoi studi e dei traguardi che hai raggiunto.

Sì, io amo studiare. Sono diplomata in lingue e ho due lauree con il massimo dei voti: “Scienze politiche, relazioni internazionali” e “Relazioni internazionali e diritti umani”. Il periodo universitario è stato molto soddisfacente per me. Non solo ho potuto ampliare il mio bagaglio culturale, ma mi sono appassionata di tematiche di cui non ero a conoscenza in precedenza, come ad esempio i diritti umani nel mondo. Durante il periodo universitario ho avuto l’onore di partecipare a due progetti con le Nazioni Unite a New York ed in Cina per rappresentare il mio paese e trovare soluzioni a problematiche che infliggono il nostro pianeta. È stato per me un grande traguardo e ne vado molto orgogliosa. Il momento più bello in assoluto di tutta la mia carriera universitaria è stato quando ho discusso la mia tesi di laurea magistrale davanti ai miei genitori. Una grande soddisfazione ottenere il massimo dei voti e dedicare a loro questo bellissimo traguardo.

Oltre che studiosa, sei anche modella e attrice. Quali esperienze porti nel cuore con maggior soddisfazione?

Sì, esattamente. Sono appassionata di moda e cinema sin da piccola. Ricordo ancora che quando avevo circa 5 anni mi divertivo ad indossare i tacchi di mia madre e camminare per il salone fingendo di presentare un programma televisivo. Mi sono avvicinata al mondo della moda all’età di 16 anni, partecipando per gioco ad un casting indetto dal mio liceo; si trattava di posare per un brand di pigiami per ragazzi. Partecipai senza nessuna aspettativa e tra tutte le ragazze del liceo fui scelta io. Inaspettatamente dopo quello shooting capii che quel mondo mi piaceva, cosicché iniziai a lavorare per svariate agenzie di moda e a studiare recitazione. L’esperienza che porto nel cuore è sicuramente la mia prima campagna pubblicitaria per la TIM e Telecom. Non solo è stata la mia prima pubblicità seria, ma è stata anche la prima vera esperienza da modella e attrice poiché girai anche uno spot. Inoltre porto nel cuore anche la mia prima partecipazione in tv con il programma su TV NOVE “Deal with it” che sta andando in onda in questi giorni. Questa è stata un’esperienza estremamente divertente e formativa dal punto di vista della recitazione improvvisata. Durante le riprese del programma ho avuto modo di conoscere delle persone straordinarie che porterò sempre nel cuore.

A quali progetti lavorativi ti stai dedicando? Puoi svelarci qualche dettaglio in anteprima?

In questo periodo mi sto dedicando moltissimo allo studio della recitazione e alla moda. Ho ripreso recentemente i miei studi teatrali dopo un periodo di fermo e sto collaborando con moltissimi brand per campagne pubblicitarie. Sono in fase di lavorazione per alcuni film e per un progetto molto importante di cui però non posso ancora parlare… Posso solamente dire che ha a che fare con gli Stati Uniti e il mondo dello spettacolo.

Ti rivedremo presto al cinema?

Credo proprio di sì.

In te convivono bellezza esteriore e animo sensibile. Raccontaci dei progetti che ti vedono coinvolta per il superamento delle barriere socio-culturali, per lo sviluppo sostenibile dei paesi in difficoltà e per l’indipendenza delle donne in Uganda.

Questa è una bellissima domanda, l’apprezzo molto. Capita spesso che le ragazze che lavorano nel campo della moda, o che semplicemente hanno un bell’aspetto estetico, vengano considerate superficiali e con poco sale in zucca. Mi piace smentire questo mito. Come dicevo precedentemente io sono appassionata di diritti umani, specialmente i diritti delle donne e dei bambini nei paesi in via di sviluppo. Dopo essermi laureata a febbraio 2021 ho iniziato a lavorare con una ONG in Uganda, occupandomi della creazione di progetti locali che tutelassero le donne vittime di violenza fisica, di discriminazione sociale e che prevedessero delle misure preventive per salvaguardare le bambine vittime di matrimonio precoce. È stato un periodo lavorativo emotivamente forte a causa delle tematiche crude, che però mi ha lasciato la soddisfazione di aver aiutato degli esseri umani bisognosi. Uno dei miei obiettivi di vita è quello di creare una mia ONG per tutelare tutte le bambine che vengono obbligate al matrimonio forzato (specialmente nei paesi africani), per consentire loro di vivere l’adolescenza come ogni bambina merita. Sono anche molto sensibile agli animali… Un altro mio grande sogno sarebbe quello di aprire un rifugio dove ospitare gli animali maltrattati.

Quali lingue parli?

Parlo inglese, francese, spagnolo, tedesco e sto studiando l’arabo.

Un tuo sogno professionale nel cassetto?

Il mio sogno più grande è quello di diventare una conduttrice televisiva (sogno un giorno di poter presentare il Festival di Sanremo); lavorare come attrice e modella; creare un mio brand di abbigliamento ecosostenibile e sfruttare i ricavati per fare beneficenza.

Che rapporto hai con i social?

Mi piace molto utilizzare i social, mantenendo però un distacco fra la sfera personale e quella pubblica. Diciamo che sui social tendo a condividere principalmente foto dei miei lavori, alcune volte contenuti con i miei amici. Mi piace mantenere un rapporto diretto con i followers; in un certo senso poter essere influente nei loro confronti, trattando anche argomenti di attualità (politica, economia ecc.).

Chi è Greta nel quotidiano?

Sono una ragazza molto semplice, nel mio quotidiano adoro trascorrere il tempo con i miei animali nella natura. Amo gli animali. Ho tre cani e un gatto, passare del tempo con loro mi fa stare bene e mi rilassa. Adoro tantissimo passeggiare in mezzo alla natura poiché mi consente di scacciare tutti i pensieri negativi e ricaricarmi di energia positiva. Nel quotidiano mi piace moltissimo praticare sport, in particolar modo il padel e lo yoga. Adoro uscire con i miei amici specialmente per andare a mangiare fuori… Io adoro mangiare. E può sembrare strano perché sono molto magra ma credo di essere dipendente dal cibo. Scherzo ovviamente! Se volete essere miei amici o conquistarmi sappiate che potete comprarmi con una cena all you can eat.

E dell’aspetto sentimentale cosa puoi svelarci?

Sono “innamorata dell’amore” e del mio ragazzo. Stiamo insieme da tre anni e mezzo ed è grazie a lui se ho scoperto l’amore. In una relazione tendo a dare tutta me stessa. Non a parole, poiché sono timida quando si tratta di esternare i sentimenti, ma dimostro moltissimo con i fatti. Mi piace fare sorprese, fare regali inaspettati e credo che in una relazione sia fondamentale mantenere vivi questi piccoli gesti anche dopo tanto tempo.

Un tuo difetto e un tuo pregio.

Un mio grande pregio è la perseveranza. Quando voglio raggiungere un obiettivo non mi fermo mai finché non lo raggiungo, costi quel che costi. Mentre un mio difetto è l’indecisione. Sono una persona ansiosa e mi lascio influenzare moltissimo dagli eventi esterni, questo mi porta ad essere spesso molto indecisa.

A cosa non rinunceresti mai?

Non potrei mai rinunciare ai viaggi. Adoro viaggiare e potrei passare tutta la mia vita su un aereo. Durante il lockdown ho sofferto particolarmente l’impossibilità di viaggiare, specialmente perché poco prima della chiusura definitiva avevo in programma un viaggio per l’Indonesia che è stato annullato. Viaggiare tanto mi ha permesso di aprire mente e anima poiché sono entrata in stretto contatto con culture estremamente diverse dalla mia. Ricorderò per sempre con grande commozione il mio primo viaggio in Africa; una volta tornata ho deciso di tatuarmi l’Africa dietro la schiena perché me ne sono follemente innamorata.

Un aforisma che descrive il tuo approccio alla vita.

“Le stelle brillano solo quando il cielo è scuro, vivi il presente abbandona il passato e non temere il futuro.”